Ricordate Shanti e le pratiche yogiche per freelance che abbiamo condiviso con voi su Instagram e Facebook, tempo fa? Un meraviglioso progetto nato quando lavoravo ad una delle scrivanie di Marenco 4. Avevamo un piano, insieme ad Elena (la mia guida, counselor e maestra di yoga): creare un luogo sicuro per freelance. L’idea era quella di incontrarci, una volta al mese, nel magico spazio di Yoga della Rosa, per condividere dubbi, paure, idee e progetti e praticare insieme.

L’abbiamo fatto, per un periodo. Un piccolo gruppo, inizialmente, ma tanti piani per il futuro. Durante la nostra ultima riunione avevamo preparato un calendario per i seminari (dal vivo) che avremmo organizzato.

Poi, però, sono successe tante cose: ho lasciato Marenco 4, ho cambiato casa e abbiamo messo tutto in standby. Il cuore del progetto, nonostante tutto, batteva ancora e batte anche oggi, forse più forte che mai.

Il 2020 ci ha imposto di reinventarci, ricominciare, ripensare le nostre attività e trasformarle.

Il Club stesso è un progetto nato durante la quarantena e che magari non avrebbe mai visto la luce se non fosse stato per gli eventi straordinari (intesi come “fuori dall’ordinario”) che il 2020 ci ha riservato.

Per tanti progetti nuovi, però, altrettanti sono stati abbandonati o dimenticati. Perché non tutto, ahimè, poteva funzionare con le porte di tutto il mondo chiuse.

Però, sono dell’idea che si possa (quasi) sempre recuperare, che nulla vada davvero perduto se ci credi profondamente.

Sì, non possiamo seguire le pratiche yogiche per freelance dal vivo, con Elena che suona per noi le campane tibetane. Però una cosa possiamo farla, ora. Portare Shanti online, perché tutti voi possiate praticare da casa.

Quindi, cosa succede ora?

Succede che diamo il benvenuto ad Elena nella nostra redazione!

Una volta al mese Elena condividerà con noi pratiche yogiche, consigli e rituali per riappropriarci del nostro tempo, del nostro corpo, del nostro respiro.

La sua sarà una rubrica magica e speciale: una guida per riprenderci il nostro tempo, in un tempo di grandi attese e paure.

Per chi ancora non conosce questo progetto, partiamo dall’inizio. Perché questo percorso si chiama Shanti?

“Per la religione induista, la parola sanscrita Śānti (solitamente anglicizzata in Shanti o Shantih) indica uno stato di assoluta pace interiore e di serena imperturbabilità, caratterizzato dall’assenza delle frenetiche onde-pensiero (Vritti) generate dalla mente; l’individuo che ha raggiunto questa pace è estremamente equanime, equilibrato, centrato, moderato, e grazie a questa sua centratura riesce a vivere con perfetta concentrazione e serenità nel qui e ora.”

Abbiamo scelto questo nome per il percorso, perché chi lavora come freelance spesso dimentica proprio questo: l’importanza di vivere serenamente e con consapevolezza il presente.

Chi ha scelto di intraprendere questa carriera l’ha fatto principalmente per sentirsi libero, eppure si sente spesso intrappolato in un loop senza via d’uscita: le consegne, le scadenze, i clienti, gli aspetti finanziari e ogni tanto la solitudine possono intaccare l’equilibrio e la serenità del freelance, facendolo vacillare e creando blocchi creativi e grandi paure.

Nel freelance si generano allora ansia, stress, e la distinzione tra ‘dovere, volere e potere’ diventa estremamente confusa.

Si investe tutta la propria energia e concentrazione sulla produttività, e si ignorano i segnali della mente e del corpo. Spesso diventa quasi impossibile separare la vita privata da quella lavorativa.

Ma tutto questo si può affrontare, superare e trasformare, trovando un luogo sicuro, creando una ritualità e canalizzando le energie in maniera corretta, per ritrovare il giusto slancio creativo e un equilibrio che dia beneficio a tutti gli aspetti della vita del freelance.

Elena ci aiuterà a lavorare sulle nostre paure, sui nostri blocchi creativi e su mente e corpo. Le pratiche yogiche per freelance che Elena ha studiato per noi ci accompagneranno lungo il percorso, mentre affronteremo tematiche diverse: mancanza di tempo? Paura di non riuscire a gestire le proprie finanze? Blocchi creativi? Mancanza di disciplina? Paura del futuro?

Analizzeremo una nuova tematica ad ogni articolo, raccogliendo spunti e strumenti utili per affrontare tutti i nostri dubbi e paure.

Lo faremo con tecniche di rilassamento e meditazione, esercizi e racconti.

Per inaugurare questa rubrica e l’arrivo di Elena nel nostro team, vi lasciamo una pratica da svolgere proprio oggi, a casa.

PICCOLO ESERCIZIO DI MEDITAZIONE

Cominciamo dal corpo, proviamo a percepirlo e domandiamoci come ci sentiamo. Lavoriamo sul nostro respiro, sul nostro sentire interiore e sul vivere qui ed ora. Ritroviamo così il nostro tempo, riportando l’attenzione a noi stessi ed isolandoci dal rumore del mondo. Se dovessimo scegliere una parola che descriva come ci sentiamo, quale sarebbe?

CAMBIO DI PROSPETTIVA

Ora proviamo a disegnare, o scrivere, con la mano con cui non scriviamo di solito. Scopriamo come l’intuito possa guidarci in nuove esplorazioni creative. Lasciamo andare le regole, le credenze e le abitudini per riscoprire la creatività libera.

CREIAMO IL NOSTRO RITUALE MAGICO

Infine, costruiamo insieme il nostro rituale magico personalizzato, da ripetere ogni giorno, per almeno 10 minuti. Decidiamo quale sarà il nostro luogo magico. Decidiamo quale sarà la nostra parola magica e domandiamoci: è la stessa che abbiamo pensato durante il primo esercizio?


Chi è Elena Fantozzi, founder di Yoga della Rosa

Elena Fantozzi, Counselor, (iscritta registro counselor ASPIN mi-1110-co-pn), Operatore Olistico vibrazionale CEAV ACADEMY, Floriterapeuta con Fiori di Bach ed insegnante di Yoga iscritta alla YANI (Yoga Associazione Nazionale Insegnanti). Ha conseguito il diploma in counseling yoga ed insegnante di yoga presso la SICY nel 2010 e pratica yoga da 20 anni. Segue l’approccio di yoga esperienziale Anubhava, secondo gli insegnamenti del Dr. Bhole, medico indiano, di cui ha seguito i seminari sia in India che in Italia negli ultimi nove anni. Dal 2007 ha seguito i corsi di CEAV ACADENY, completando le formazioni in operatore olistico vibrazionale, channeler e feng shui MR.. Nel 2019 ha conseguito il diploma di floriterapeuta secondo il metodo del Dr. Ricardo Orozco. 


Se stai cercando di creare una routine e dei rituali di successo (per te) potrebbe interessarti il nostro ultimo articolo sull’argomento.